venerdì 17 maggio
ore 21.00
Luna e GNAC- Associazione Retroscena / Casa degli Alfieri

CRAPE DE LEGN

Teatro di narrazione e burattini

MONTEGRINO - Teatro Sociale - Via V. Veneto, 17
Crape@MerisioWEB

Luna e GNAC-Associazione Retroscena / Casa degli Alfieri

con Federica Molteni
regia Alberto Salvi
scenografie Enzo Mologni
abiti di scena e burattini Lelabò – Mariabarbara De Marco
colombina di Rossana Paganoni
musiche originali Luigi Suardi

Crape de legn sono due artisti, Benedetto Ravasio e Pina Cazzaniga – sua moglie e compagna artistica – che con testardaggine mollarono la sicurezza economica di una vita da fornai, per scegliere, negli anni ’40, un’arte di strada popolare e dura.

Una storia a matriosca che dentro ne contiene tante altre, sempre più piccole e intime.
La storia del teatro popolare e della Commedia dell’Arte e dentro la Seconda guerra mondiale. E dentro la scoperta di un ragazzo di amare l’arte nelle sue forme più variegate: pittura, scultura, musica e teatro. La povertà dei paesi della bassa bergamasca, tra cascine, nebbia, polenta e pica sö. L’innamoramento di due giovani, Benedetto e Pina, figli di due fornai concorrenti: Romeo e Giulietta in salsa bergamasca. Il loro amore, fatto di farina, levatacce e otto figli da sfamare. E una vocazione, che bussa sempre più forte, fino alla frattura con il mondo intorno.

“Così succede a Benedetto Ravasio che sceglie il teatro. In Giovanni Nespoli, vecchio burattinaio ormai in miseria, riconosce il maestro. E nelle parole di quell’omino rubizzo, ho trovato parole che parlano anche a me, come artigiana della parola e del palco. “La prima regola per un burattinaio? È il rispetto del pubblico. Non basta far sganasciare la gente. Lo spettacolo deve essere sincero e la storia arrivare al cuore. I burattini? Sono veri e propri attori. Cambiano le dimensioni, ma il nostro spettacolo rimane sempre teatro”
(Federica Molteni)

E sua moglie Pina, dice “sì”, e diventa parte integrante di quel mondo. Lei, che prima d’allora non aveva mai visto un burattino. È la prima volta che succede: una donna che entra in baracca accanto al suo compagno.
Arriveranno a recitare, unici burattinai della storia, al Teatro alla Scala di Milano. E poi nei festival internazionali di teatro di figura. Senza mai abbandonare le piccole piazze, i paesi, la loro origine.
Alto e basso. Lingua e dialetto. Terra e farina. Grandi teatri e portici di una cascina.
Come nella grande tradizione del teatro popolare di ricerca.


Info e prenotazioni:
Tel 334.1185848 – 347.0154861
info@teatroperiferico.it

Biglietti:
Intero: 10 euro
Ridotto: 7 euro (under 18, over 65 e allievi Scuola di Teatro di Cassano Valcuvia).

È possibile prenotare gli spettacoli fino a due ore prima, telefonando ai numeri indicati.

iscriviti alla newsletter!

Riceverai ogni mese tutte le informazioni sugli spettacoli e i laboratori!

nome

cognome

indirizzo mail

inserisci il testo nell'immagine
captcha


dove siamo?

Via IV Novembre n.4
21030 Cassano Valcuvia (VA)

come contattarci?

334.1185848 - 0332.995519
info@teatroperiferico.it